Log in
NEWS
Nicola Caputo (Pd): Archiviate tutte le indagini a mio carico Alilauro, torna Batò Naples Ciro a Mergellina, querelle col Comune: dipendenti in protesta Assoagenti, visita all'Interporto Sud Europa: Risposte immediate al mercato merci Centro Democratico, c'è Bersani: Basta personalismi, non lasciamo campo alla destra Anm, possibili disagi per stasera Gepin, lunedì al Mise ultima chiamata per i lavoratori Pd, Bassolino: Partito è solo la parte più grande del centrosinistra Confapi, Marrone: 100 mln dalla Regione per le bonifiche, bene così Trasporto locale, lunedì sit in dell'Usb in Prefettura Turismo, da oggi tassa di soggiorno anche su affitti Estate 2017: 7 mln di visitatori negli agriturismo Siccità, ministro Galletti: Investiremo sui bacini idrografici Pil pro capite, Campania perde oltre il 5% dal 2007 Musei, nel 2018 a Napoli apre quello dedicato a Darwin e Dohrn Scoperto dal Tigem meccanismo che regola la crescita dei tumori Crescita, buone notizie dal territorio Ambasciata del Kosovo a caccia di investitori campani nel settore eolico La diplomazia Usa riporta a Napoli la statua di Zeus Winckelmann al Mann: la star è il Cavallo Mazzocchi Gruppo Onorato rafforza la flotta con la Superfast Baleares Bonifiche in Campania, in arrivo 100 milioni Garanzia Giovani, a 509 mila giovani proposta almeno una misura Asi, ecco la rete campana: più servizi e meno burocrazia Torre del Greco, domani il Green Day: laboratori su energie Pil a +2,4%, De Luca: Campania prima regione per crescita Imprese, nel Mezzogiorno una su 4 è donna Lepore sui dati del Pil campano: Siamo alla svolta Nel fine settimana visite didattiche a Cappella San Severo e Madre Napoli, è pronto il progetto di trasformazione dell'ex base Nato Premio Biagio Agnes da oggi a Sorrento Eastwest e Europeye portano a Napoli il Digital Challenge Adler Pelzer Group, nuovo sito a Bratislava: previsto un fatturato annuo di 47 milioni Rc auto, Codacons: Prezzi ancora alti, divario Nord-Sud abnorme Festival Ville Vesuviane, sabato al via nella dimora del Leopardi

kimbo shop ildenaro 016

Le borse europee provano il rimbalzo

 

La Borsa milanese e per gli altri Eurolistini provano a risalire la china, oggi, dopo la prova di ieri tutt’altro che brillante. Come si sa, ieri Piazza Affari è stata la peggiore tra le pur deboli borse europee, caratterizzata, peraltro – al di là di molti altri spunti – dall’impennata dello spread che è arrivato a 206 punti base. Un’impennata condizionato, con tutta evidenza, dalle tensioni politiche di fondo e dalle discussioni, in particolare sulla manovra correttiva illustrata poi in serata, oltre che dal clima geopolitico in generale.

Ma come si diceva, le piazze finanziarie europee, oggi, provano a risalire. Il Ftse Mib, dopo una buona apertura, segna  comunque ancora -0.14% e così l’Ibex di Madrid (-0.05), mentre Ftse 100 di Londra è in parità (+0.00%) ed  il Dax di Francoforte è con il segno positivo (+0.05%) come pure  il Cac 40 di Parigi (+0.14%).

Ad ogni modo, secondo gli analisti il rimbalzo potrebbe venire dai bancari anche i vista dei risultati delle grandi banche Usa che saranno resi noti nel pomeriggio.

In questo clima, l’Euro contro il Dollaro mantiene una posizione sostanzialmente stabile intorno a 1,062, l’oro consolida dopo il rally di ieri e il petrolio avanza a 53,64 dollari per barile in attesa dei dati sulle scorte.

BORSE ASIATICHE

In Asia la tendenza degli scambi è stata contrastata, escludendo però la piazza di Tokyo che è registrata in netto declino. Un arretramento legato al rafforzamento dello yen che, per la prima volta da novembre, ha superato quota 110 sul dollaro.

Anche in questa regione, peraltro, replicando quanto già successo ieri, le tensioni geopolitiche hanno spinto gli investitori verso i beni-rifugio e infatti come lo yen anche l’oro si è mosso sui massimi da novembre: il metallo prezioso è tuttora in progresso dopo il balzo dell’1,60% segnato nella precedente sessione.

A Tokyo il Nikkei 225 ha chiuso in perdita dell’1,04% (performance appena peggiore per l’indice più ampio Topix, deprezzatosi dell’1,15%).

Sul fronte macroeconomico, i prezzi alla produzione in Giappone sono cresciuti in marzo dell’1,4% annuo in linea con il consensus, mentre su base mensile il progresso è stato dello 0,2% contro lo 0,3% atteso.
Complessivamente la seduta è registrata piatta per i mercati della regione, come confermato dall’andamento dell’indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso, mentre le piazze cinesi scontano i dati macroeconomici non particolarmente positivi. I prezzi al consumo hanno segnato in Cina nel mese di marzo un incremento dello 0,9% annuo, in lieve accelerazione rispetto allo 0,8% di febbraio e contro l’1,0% del consensus del Wall Street Journal, ma ancora molto lontano dal target di Pechino del 3% per l’intero 2017.

Su base mensile, oltre tutto, l'indice dei prezzi al consumo segna una contrazione dello 0,3% dopo il calo dello 0,2% di febbraio.

Shanghai Composite ha chiuso in declino a -0,46%. L’Hang Seng ha chiuso a +0.93% e il Kospi di Seul +0.24%. Sostanzialmente in parità anche l’S&P/ASX 200 di Sydney (+0.07).

BORSA USA

La Borsa di New York ha chiuso la seduta in calo a causa delle tensioni geopolitiche in Siria e Corea del Nord. Il Dow Jones ha perso lo 0,03%, l'S&P 500 lo 0,14% e il Nasdaq Composite lo 0,24%.
Positivo l'unico dato macro diffuso in giornata. L'indice JOLTS (nuove posizioni lavorative aperte) a febbraio è cresciuto a 5,743 milioni di unità contro le 5,625 milioni di unità del mese precedente. Il dato è superiore alle attese (consensus 5,655 milioni).

IL CALENDARIO DI OGGI
Mercoledì 12 Aprile 201714:30 USA Indice prezzi importazioni mar;
16:30 USA Scorte settimanali petrolio e derivati.