Log in
NEWS
Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve" Sinfonia d'inverno, grande successo per il charity gala a sostegno del Pausilipon L' Esercito di Terracotta dell'imperatore Quin: prima nazionale a Napoli Il sognatore sveglio, a Castel Nuovo la follia dell’Arte di Antonio Ligabue Sanità responsabile, dibattito con il ministro Lotti Top Italian Restaurant, i migliori chef del Belpaese all'estero per Gambero Rosso Agroalimentare: insetti a tavola dal 1º gennaio, ma il 54% degli italiani dice No Nuovi pianeti, un modello della Nasa per cercare ET Ambiente e lavoro, nuovo bando Uia: Bruxelles cerca città innovative Agroalimentare, Masiello (Coldiretti): Bene etichettatura per i derivati dal pomodoro Ravello, prorogato fino al 4 novembre lo spettacolo "Villa Rufolo mille anni di magia" Da bottega a museo: ecco il nuovo Ospedale delle bambole Città della Scienza, sos Cgil: Lavoratori allo stremo Premio Sepe a Orfeo, Grimaldi e allo show Made in Sud. Lavoro e corruzione i temi al centro della sesta De Luca sulla sanità: Stiamo preparando una grande rivoluzione Premio Sepe, Cutolo di Mcl: Un omaggio ai grandi personaggi di Napoli Debiti Pubblica amministrazione, valgono il 3% del Pil: il doppio della media Ue Mozzarella di bufala campana, nel mondo è conosciuta come Pino Daniele e Cannavaro Isa Yachts del gruppo Palumbo presenta in Florida le sue novità per il mercato mondiale

kimbo shop ildenaro 016

Riforma sanitaria Usa, slitta ad oggi il voto del Congresso

 

Si muovono tutte in rosso le principali borse europee. A Piazza Affari il Ftse Mib segna -0.24%, il Dax 30 di Francoforte -0.7%, il Cac 40 di Parigi -0.35%, l’lbex 35 di Madrid -0.30 e il Ftse 100 di Londra -0.05%.

Sui mercati pesa ancora l’incertezza che avvolge le politiche economiche del presidente Usa. La riforma sanitaria voluta fortemente da Trump sta incontrando più ostacoli del previsto. Ieri, infatti, l’atteso voto del Congresso in materia, considerato dagli analisti come importante indicatore sulle reali prospettive che Donald Trump riuscirà a dare all’economia americana, è stato rimandato a causa dei dubbi di alcuni membri dello stesso partito del presidente, il repubblicano. Ad ogni modo il voto dovrebbe arrivare in giornata.

In questo clima ieri la Borsa di New York ha chiuso la seduta in leggero calo. Il Dow Jones ha perso lo 0,02%, l'S&P 500 lo 0,11% e il Nasdaq Composite lo 0,07%.

E però il dollaro intanto ha recuperato terreno, mentre lo yen si è deprezzato dello 0,40% sulla divisa Usa, mettendo fine a una striscia di guadagni durata otto sedute. E i future sugli indici azionari americani sono in rialzo dello 0,2-0,3 per cento.

Lieve aumento, all'avvio dei mercati, per il prezzo del petrolio che segna però un passivo settimanale dell'1,9%. Il contratto sul Wti del Texas con scadenza a maggio aumenta così dello 0,3% mentre il Brent sale dello 0,2% a 50,68 dollari. Fra gli investitori resta l'incertezza sui prezzi dovuta al livello di produzione e delle scorte Usa mentre il prossimo vertice Opec si terrà non prima di maggio. In lieve calo l'oro sui mercati: il lingotto viene scambiato a 1243 dollari l'oncia (-0,2%). Il metallo mette comunque a segno un rialzo settimanale dell'1,1%.

Le vicende politiche Usa non sembrano aver condizionato più di tanto i mercato azionari orientali, a partire da quello giapponese che ha chiuso in recupero: il Nikkei 225 infatti ha terminato la giornata borsistica a +0,93%.

E positive hanno chiuso anche le borse cinesi: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +0,80%, l'indice Hang Seng della borsa di Hong Kong a +0,13%.

Dunque, l’ottava si è chiusa con un deciso recupero per i mercati dell’Asia.

Sicuramente positiva è stata considerata la notizia per i grandi esportatori del Giappone cui tutto sommato è da connettere il balzo in avanti della piazza di Tokyo: con il Nikkei 225 ha chiuso in progresso anche l’indice più ampio Topix, che si è apprezzato dello 0,88%.

Tra i principali indici della regione in controtendenza è stato rilevato solo Seoul: il Kospi ha segnato infatti un declino dello 0,17% al termine degli scambi. Il rafforzamento del dollaro è fattore depressivo per i mercati emergenti della regione e, complice l’andamento poco mosso dell’Hang Seng di Hong Kong mentre l’indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso, è apparso sostanzialmente piatto.

Deciso recupero, invece, per la piazza di Sydney: l’S&P ASX 200, che già giovedì aveva guadagnato lo 0,41% (migliore performance tra i principali indici dell’Asia-Pacific), segna infatti un progresso dello 0,80% in chiusura.

Tornando alle vicende di casa nostra. Apertura positiva per lo spread. Il differenziale tra Btp a dieci anni e il Bund tedesco viaggia a 182,5 punti base, mentre il rendimento del bond decennale italiano si attesta al 2,251 per cento. All'apertura delle borse europee l'euro resta sotto 1,08 sul dollaro. La moneta unica europea viene scambiata con il biglietto verde a 1,0798.
In lieve calo, secondo l'Istat, i flussi commerciali verso i Paesi extra Ue: le esportazioni si contraggono del 4,7% su base mensile, le importazioni dello 0,4%. Il surplus commerciale è
pari a 1,717 miliardi, inferiore a quello dello stesso mese del 2016 (+2,607 mld).

Nel pomeriggio si aspettano negli Usa anche quelli sugli ordinativi dei beni durevoli.