n63

Log in
NEWS
De Luca allo stadio per Salernitana-Ascoli Confindustria incontra il territorio, venerdì appuntamento a San Marco dei Cavoti Scuola, si avvicina la pausa di Pasqua: stop alle lezioni dal 13 al 18 aprile Voucher, Confesercenti: Occupazione a rischio in 1 impresa su 2 Busitalia, in arrivo 10 nuovi mezzi a Salerno Letteratura, presentato premio nazionale Amerigo delle Quattro Libertà Verdi, continua l'Open space a Roma: c'è anche De Magistris Banco di Napoli Intesa Sanpaolo, Monte di Pietà in vendita: dove nacque la lotta alla usura Disarmiamo l'ignoranza, mostra d'arte a San Giorgio Confindustria, l’impasto che serve all’Europa Nozze d'argento per il Fai: 59 siti aperti solo in Campania Ap, Alfano: A Benevento il primo gruppo provinciale Vincenzo Schiavo eletto presidente di Confesercenri Campania-Molise Imprese di assicurazione, dati in calo ma mercato solido Comune di Napoli, lettera contro il rischiio crac: Dirigenti, recuperate risorse Magna Group assume gli ex Capaldo Ambiente, anche a Napoli iniziative per l'Ora della Terra Avvocati, i matrimonialisti si confrontano sulla nuova condizione dei padri Flora Beneduce (FI): La Regione accolga l'appello dei produttori a difesa dell’olio dei nostri territori Vincenzo Sbrescia (Fare Ambiente): L’Europa al crocevia della storia Chiamarsi Italiano e Cittadino d’Europa. Federalberghi Salerno, indagine sui B&B Fondi europei, un progetto per fare rete: da EUBE e LUPT mano tesa alle imprese Gli sperimentatori e la sindrome del "successo come al solito" Agenzie di stampa, 24 ore di sciopero Napoli, dopo Pasqua via a progetto Bagnoli Borsa mediterranea del Turismo, folla allo stand Blu Hotels per i calciatori del Napoli Confindustria Benevento, il 31 incontro con gli iscritti a San Marco dei Cavoti Mdp, sabato 1° aprile a Napoli la prima assemblea nazionale dei comitati promotori Fondi Ue, De Luca: Rendicontato il 104% del ciclo 2007-2013 Napoli, Bilancio 2017-2019: confermate le tariffe per rifiuti, Imu e Tasi Amministratori professionisti, la sicurezza in condominio: confronto tra categorie Ragazzi incattiviti: la legge del bullismo Credito delle Pmi, 225 mln ai Confidi: domande dal 2 maggio Afragola, sì ai progetti di riqualificazione nei quartieri dellarea Tav

kimbo shop ildenaro 016

Mercati poco mossi, si guarda già alla Bce

 

Il punto. Giovedì prossimo c’è la riunione della Bce, ben si comprende, dunque, il generale clima di attesa che si respira sui mercati. Le piazze finanziarie del Vecchio Continente sono infatti poco mosso con Francoforte, che mostra un +0,03%, sostanzialmente invariato Londra, +0,13%, mentre resta vicino alla parità Parigi (-0,1%). Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB che si ferma a 19.469 punti. 

Ad ogni modo, ieri la Borsa di New York ha chiuso la prima seduta dell'ottava in ribasso dopo i record della scorsa settimana. Il Dow Jones ha perso lo 0,24%, l'S&P 500 lo 0,33% e il Nasdaq Composite lo 0,37%. Mentre, tutto sommato, Tokyo appare in controtendenza nonostante l’indebolimento dello yen nei confronti del dollaro. In chiusura il Nikkei 225 ha segnato una perdita dello 0,18%, mentre l’indice più ampio Topix è riuscito a chiudere in positivo (0,01%) trascinato al ribasso soprattutto dai titoli legati alle materie prime. 
Tra le commodity va segnalato il declino dell’1,60% per il minerale di ferro in consegna nel porto cinese di Qingdao (terza seduta consecutiva di deprezzamento), mentre oro e petrolio sono poco mossi. La giornata, con poche eccezioni, è negativa per i titoli del settore a Sydney, ma l’S&P ASX 200 si apprezza comunque dello 0,26% in chiusura.

L’andamento positivo dei mercati della regione è confermato dal guadagno dello 0,50% toccato nel corso della seduta dall’indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso, dopo un avvio in lieve flessione. Tendenza presente anche sulle piazze cinesi, con Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 che hanno guadagnato lo 0,27% e lo 0,22% rispettivamente. Performance appena migliore per lo Shenzhen Composite, apprezzatosi dello 0,30% in chiusura. In positivo anche Hong Kong.

L'Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,06 in un contesto in cui la politica francese sembra ancora destinata a imprimere un orientamento al mercato. L'Oro è sostanzialmente stabile su 1.225,6 dollari l'oncia. Nessuna variazione significativa per il mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 53,1 dollari per barile.
Lieve peggioramento dello spread, che sale a 183 punti base, con un aumento di 3 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,16%.I DATI MACRO

USA: ordini industriali su (+1,2)
Nel mese di gennaio gli ordini industriali sono aumentati dell'1,2% dopo l'incremento dell'1,3% registrato a dicembre. Gli analisti avevano stimato una crescita dell'1% su base mensile.

Germania: crollano a gennaio gli ordinativi industriali

Il Dipartimento dell'Economia e della Tecnologia tedesco ha reso noto che a gennaio gli ordinativi industriali sono diminuiti del 7,4% rispetto al mese precedente, risultando nettamente inferiori alle stime degli analisti che avevano calcolato un decremento più contenuto pari al 2,5%. A dicembre gli ordinativi erano aumentati del 5,2%.

Australia: Rba lascia invariati i tassi ai minimi dell’1,50%

La Reserve Bank of Australia (Rba), come atteso dagli osservatori, ha lasciato invariati i tassi d’interesse ai minimi storici dell’1,50% (livello raggiunto a inizio agosto con una riduzione di 25 punti base). Secondo il board dell’istituto centrale, che ha ripetuto quanto dichiarato già in occasione dei precedenti meeting, il mantenimento è coerente con la crescita sostenibile dell’economia dell’Australia e con il raggiungimento nel tempo dei target d’inflazione.

Petrolio: Iea prevede stallo dell’offerta entro il 2020

L’International Energy Agency (Iea) ha ammonito sui rischi per l’offerta di lungo periodo di greggio a causa del declino degli investimenti nel settore successivo il declino dei corsi del petrolio. “Se il crollo record degli investimenti tra 2015 e 2016 non sarà invertito”, ha spiegato la Iea nel suo rapporto “Oil 2017” presentato lunedì, la crescita dell'offerta potrebbe andare in stallo entro il 2020.

IL CALENDARIO DI OGGI
Martedì 7 Marzo 2017

06:00 GIA Inflazione BoJ;

08:00 GER Ordini all'industria gen;

09:30 GB Indice Halifax (prezzi abitazioni) feb;

10:00 ITA Indice prezzi alla produzione gen;

10:00 GER Ordini industriali gen;

11:00 EUR PIL finale trim4;

14:30 USA Bilancia commerciale gen.