Affari e Giustizia

Abusi edilizi a Capri e falso: Montezemolo, chiesta la condanna

Un anno e tre mesi, pena sospesa, è la richiesta del pm del Tribunale di Napoli, Milena Cortigiano, per il numero uno della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, accusato di falso ideologico e di reati ambientali per presunti abusi edilizi compiuti a Villa Caprile, residenza abituale dell’ex presidente di Confindustria ad Anacapri. L’udienza è attualmente in corso presso la sezione distaccata di Capri del Tribunale partenopeo. L’avvocato di Montezemolo, Alfonso Furgiuele, ha chiesto l’assoluzione sia per il suo assistito che per il coimputato nel processo, Francesco Saverio Graziolo, amministratore della Fisvi, società proprietaria di Villa Caprile, di cui Montezemolo detiene la maggioranza delle quote societarie. La sentenza potrebbe già essere nota in giornata.