Log in
NEWS
Ucina e Ice portano le aziende nautiche alla Fiera di Fort Lauderdale negli Usa Cardiologia, massimi esperti si confrontano a Napoli Terzo settore, finanziamenti agevolati: domande dal 7 novembre Startup Booster 2018, nuovo bando per Pmi e spinoff hi-tech Impact Connected Car: fino a 60mila euro a fondo perduto per 60 Pmi Agroalimentare campano in Mostra a Gustus, via al bando per le Pmi: domande entro il 31 ottobre Dai giovani alle imprese: ecco la Manovra del Governo per il Sud Zone economiche speciali, De Vincenti: Campania molto avanti nelle proposte Fondazione Idis, Cgil: Regione assente, salta L'incontro Anm, De Luca: Regione darà 58 mln per i prepensionamenti De Luca su codice Anticorruzione: E' una vergogna Porto di Salerno, Gallozzi: Preoccupati dal blocco delle opere Unione Industriali di Napoli, lunedì la presentazione della partnership con Elite Mediterraneo, Rapporto Srm: crescono i Paesi dell'area Mena, nuove opportunità per le Pmi del Sud Il “guastatore” e l'instabilità del sistema di potere L'importanza di un'Europa unita dall'industria E-Distribuzione porta la rete elettrica hi-tech in provincia di Avellino Carceri, il Garante dei detenuti: In Campania mancano 400 agenti L'apertura culturale dell'innovazione aperta Cpl, convenzioni con Consip per la fornitura di energia a Campania e Lazio Intimissimi sbarca negli Usa: primo store a New York Dario Oropallo rappresentante del Comune nella Fondazione Banco Napoli Confindustria, Boccia: Uniti con i nostri colleghi tedeschi nel chiedere politiche di sviluppo L'ambasciatore giapponese sui piani di Hitachi Rail, interesse crescente per la Campania All'ambasciata spagnola di Roma il punto sul conflitto con la Catalogna Real Sito di Carditello, accordo con il Touring Club per la promozione della Reggia Busitalia si rinnova: da oggi 24 nuovi mezzi per la flotta di Salerno Anm, accordo raggiunto "con riserva" dei sindacati Suor Orsola Benincasa, oltre 700 partecipanti alla prima edizione dei Job Days Campi Flegrei, individuata la “zona calda” che causò i terremoti degli anni Ottanta BL è a mille, successo per il nuovo store di Claudia Catapano Penisola Sorrentina, riconoscimento speciale all’artista sannita Giuseppe Leone Totò, a New York un docufilm dedicato al principe della risata "Fantasy Day", quattro giorni di eventi a Villa Bruno Ettore Mocella riconfermato alla guida di Confartigianato Campania

kimbo shop ildenaro 016

Incidenti stradali: a Napoli uno ogni 4 ore, un morto ogni 2 settimane

Peggiora la condizione della sicurezza stradale a Napoli che, nell’arco di un anno, ha visto un deciso incremento degli incidenti, dei morti e dei feriti. Secondo gli ultimi dati ACI-Istat, nel 2016, nel solo comune di Napoli si sono verificati 2.300 incidenti stradali che hanno causato 30 morti e 3.123 feriti. Rispetto all’anno precedente, che pure era stato contrassegnato da un preoccupante aumento della mortalità stradale, risultano in crescita sia i sinistri (+6%) che le loro conseguenze in termini di decessi (+7,1%) e di lesioni (+5,9%).In pratica, nel territorio urbano partenopeo ogni 4 ore si rilevano un incidente e 1,4 feriti, mentre ogni due settimane si registrano 1,2 morti. In base ai costi generali medi per sinistro stradale, calcolati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si può stimare, sul solo comune di Napoli, un costo sociale annuo per gli incidenti con lesioni a persone pari a 200 milioni di euro: in pratica, i sinistri pesano su tutti i napoletani per un costo medio pro capite pari a 207 euro all’anno.

Non migliora la tendenza se si sposta lo sguardo a livello provinciale: nell’area metropolitana di Napoli, infatti, lo scorso anno sono stati rilevati 5.140 incidenti (+5,5% rispetto al 2015), con 91 morti (+5,8%) e 7.373 feriti (+5,9%). Anche in questo caso, si tratta di valori che si discostano sensibilmente dalla media nazionale. Nel periodo considerato in Italia si sono registrati 175.791 sinistri stradali (+0,7%) da cui sono derivati 3.283 morti (-4,2%) e 249.175 feriti (+0,9%).

Rispetto all’obiettivo europeo del dimezzamento del numero delle vittime della strada nel decennio 2010-2020, il nostro territorio, così come la stessa Italia, mostra un deciso ritardo. Benché, infatti, i morti dal 2010 al 2016 risultino in diminuzione del 20% nel comune di Napoli, dell’11% nella provincia partenopea e del 20,2% in Italia siamo, comunque, lontani dalla media del 5% annuo che si dovrebbe tenere per giungere all’obiettivo finale del 50% nel 2020.

La guida distratta, dovuta soprattutto all’uso del cellulare da parte dei conducenti, è la principale causa degli incidentiregistrati sia nel comune di Napoli che nella sua provincia (rispettivamente, 28,9 e 30,4 per cento), ma è l’alta velocità la maggioreresponsabile dei sinistri mortali (50,0% nel comune di Napoli e 47,1% nella sua provincia). Il venerdì è il giorno con il più elevato numero di morti (8 su scala comunale e 21 in ambito provinciale), mentre la fascia oraria più a rischio è quella notturna (dalle 22 alle 6) con 8 decessi nel comune di Napoli e 27 nell’area metropolitana. Il 29,7% delle vittime ed il 40,8% dei feriti rilevati nella provincia partenopea hanno meno di 30 anni. Tali percentuali scendono, rispettivamente, al 20 ed al 39,4 per cento nel comune di Napoli. Riguardo ai veicoli coinvolti, i più esposti si confermano i mezzi a due ruote: nel comune di Napoli il 47 per cento delle vittime è un centauro, mentre a livello provinciale spicca l’elevato rischio di mortalità delle biciclette (6,91).

Dopo Napoli, il comune dell’area metropolitana con il maggior numero di incidenti e feriti è Pozzuoli (rispettivamente 199 e 314); quello con la più elevata quantità di morti è Giugliano in Campania (11).

“L’aumento generale dei dati relativi all’incidentalità stradale nel nostro comune - commenta il Presidente dell’Automobile Club Napoli, Antonio Coppola - dimostra una chiara insensibilità dell’Amministrazione municipale per la salute dei suoi cittadini che, invece, dovrebbe tutelare. I sinistri non sono soltanto una causa di comportamenti scorretti o imprudenti dei conducenti, ma anche la conseguenza di carenze infrastrutturali, di pessime condizioni delle strade e di una maldestra organizzazione/gestione della mobilità urbana. A pagare dazio sono soprattutto le utenze deboli come i motociclisti, i ciclisti ed i pedoni. Si consideri che nell’arco di un anno le vittime della strada con 65 anni ed oltre sono più che raddoppiate. Poco o nulla si fa in termini di educazione, formazione e sensibilizzazione soprattutto dei giovani, nonostante il Codice della strada imponga di utilizzare a fini di sicurezza ed educazione stradale la metà dei proventi delle multe. Leggermente migliore è, invece, il quadro della sicurezza stradale su scala regionale che vede una sensibile flessione del numero dei morti, ma un’allarmante crescita dei sinistri e dei feriti, per un costo sociale di oltre un miliardo di euro annuo”.

2016

Incidenti

Morti

Feriti

Variazioni % rispetto al 2015

Tasso di mortalità (N. Morti/100 Incidenti)

Incidenti

Morti

Feriti

Provincia Napoli

       5.140

         91

      7.373

5,5

5,8

5,9

                                   1,8

Comune Napoli

       2.300

         30

      3.123

6,0

7,1

5,9

                                   1,3

Campania

9.780

218

14.906

7,3

-7,2

8,4

2,2

Italia

175.791

3.283

249.175

0,7

-4,2

0,9

                                   1,9

Cause Incidenti

Incidenti totali %

Incidenti mortali %

Velocità

19,1%

50,0

Guida distratta

28,9%

20,8%

Segnali non rispettati

17,2%

8,3%

Mancato rispetto della distanza di sicurezza

12,5%

8,3%

  Principali cause di incidenti nel Comune di Napoli – Anno 2016