Log in
NEWS
Test di Architettura al Politecnico di Milano, dall'Università della Campania record di candidati idonei Un esoscheletro in 3D al posto del gesso: il Santobono di Napoli fra i vincitori dell'Innova S@lute 2017 Almaviva Napoli, elezioni delle Rsu: la Cgil conquista la maggioranza La periferia di Napoli su "Le Monde": Scampia lontana dai cliché mafiosi Mdp, dal 27 settembre a Napoli la prima festa: è dedicata al lavoro Sepe alla messa per San Matteo, patrono della Guardia di Finanza Porto Marina d'Arechi, Boccia ospite dello stand al Salone Nautico di Genova "Veleno", a Casal di Principe la presentazione del film sulla vera storia della Terra dei Fuochi Olio Dante partecipa all'Atelier della Salute per promuovere uno stile di vita sano Alessandro Paola nuovo comandante dei Vigili del Fuoco di Livorno Regione Campania al Tourism Expo Japan 2017 Bancarotta fraudolenta, 3 arresti a Napoli Stampa ucraina, Srna positivo a controllo antidoping dopo Shakhtar-Napoli Napoli, siglato protocollo per la sicurezza antincendio nelle scuole Sogei implementa anche in Campania il fascicolo sanitario elettronico Settore corilicolo campano in crisi, il caso al centro di un'azione parlamentare Ryanair nel mirino della Procura di Bergamo dopo la denuncia del Codacons VIenna Cammarota, è campana la prima donna al mondo a ripercorrere percorso di Goethe Ntv prepara l'ingresso in Borsa con una nuova governance Formazione delle giovani generazioni tra dubbio e verità Regione, Di Scala (Fi) sul sisma di Ischia: Dal governo nulla di fatto, depositata una mozione urgente Ryanair, cancellazione voli: l'Antitrust apre un procedimento contro la compagnia Forza Italia, De Siano: Pronti ad accogliere nuovi ingressi Architetti, New Generations Festival: le iniziative del Consiglio Nazionale Mandara e Nuova Castelli, accordo per l'export di mozzarella in Usa e Nord Europa Benevento, nodo bonifiche: accordo Procura-Commissario Dall'America Latina all'Italia: borse di studio post-laurea "Due euro l'ora", il film del salernitano Andrea D'Ambrosio al Festiva dei Diritti umani di Tirana Pignataro Maggiore, il sindaco si candida alla presidenza della Provincia di Caserta Ex Montefibre, il 4 ottobre tavolo al Mise Quarto, Laura Russo nuovo assessore per le Politiche sociali Violenza sulle donne, 49 Centri attivi in Campania Divano spiega il fenomeno kaki a una delegazione sudcoreana “Missione europa” per l’Ance: tappe a Lussemburgo, Bruxelles e Londra Bams e Rosemari ammesse nell'esclusivo Fashion Hub Market

kimbo shop ildenaro 016

Imprese, solo 1 su 3 paga a scadenza: in Campania e Sardegna le più ritardatarie

Per la prima volta dalla fine del 2011 le imprese italiane appaiono meno in difficoltà nei pagamenti commerciali, e dunque più solide e in salute, nel confronto con lo stesso periodo dell'anno precedente, registrando un aumento della puntualità del 2,8% rispetto al 2016. A rivelarlo è uno studio realizzato da Cribis che analizza con regolarità i comportamenti di pagamento delle imprese italiane. In particolare, lo studio si è concentrato su due degli indicatori principali dello stato di salute di un'azienda, la puntualità nel saldare le fatture ai fornitori e la percentuale di ritardi gravi, quei pagamenti effettuati a più di 30 giorni di distanza dai termini concordati. Se i ritardi gravi continuano a scendere a ritmo sostenuto già da tempo (-16% rispetto al 2016), l'andamento dei pagamenti puntuali è sempre stato negativo dal 2011 al 2016, per poi stabilizzarsi fra il quarto trimestre 2016 e il primo trimestre 2017.

Nel secondo trimestre di quest'anno, per la prima volta negli ultimi sei anni, la tendenza si è invertita, con una crescita dei pagamenti regolari di quasi tre punti percentuali. Tuttavia, il numero di imprese in grado di rispettare i tempi pattuiti con i fornitori è ancora basso: solo poco più di un'impresa su tre (il 36,4%), infatti, salda le fatture alla scadenza, il 52,6% entro il mese di ritardo, mentre l'11% è gravemente ritardatario. Una percentuale, quest'ultima, che ha raggiunto il suo minimo storico dal 2013 ad oggi, anche se rispetto al 2010 è comunque più alta del 100%, mentre i pagamenti puntuali sono ancora inferiori del 2,9% rispetto ai livelli di sette anni fa. Il Nord Est è l'area più virtuosa del paese, con il Veneto in testa alla classifica regionale, mentre il Sud e Isole si conferma l'area più in difficoltà, con la Sicilia.

Le imprese del Nord Est sono le più puntuali d'Italia nei pagamenti, col 45% di pagamenti regolari e soltanto il 6,6% di ritardi gravi. Bene anche il Nord Ovest, dove le imprese virtuose sono il 41,5% e quelle gravemente ritardatarie appena il 7,6%, mentre la situazione inizia a peggiorare spostandosi nell'area del Centro, dove le performance scendono sotto la media nazionale, con il 32,7% di aziende puntuali e il 12,8% di cattivi pagatori. Il Sud e Isole, invece, si conferma l'area più in difficoltà nei pagamenti commerciali: qui meno di un'azienda su quattro (il 23,6%) è virtuosa e ben il 18,4% salda i debiti con i fornitori con oltre 30 giorni di ritardo.

Lo stesso divario fra Nord e Sud del paese si nota anche considerando la classifica regionale, dove il Veneto si afferma come la regione più virtuosa d'Italia, con il 46,1% di pagamenti regolari e il solo 6,3% di ritardi gravi, mentre la Sicilia si guadagna la maglia nera, con soltanto il 19,7% di aziende puntuali e ben il 20,4% di cattivi pagatori. Completano le prime cinque posizioni della classifica regionale l'Emilia Romagna (45,5%), la Lombardia (45,2%), il Friuli Venezia Giulia (44,2%) e il Trentino Alto Adige (40,7%). In fondo alla classifica troviamo invece, dopo la Sicilia, la Calabria (22%), la Campania (22,3%) e la Sardegna (24,4%). Fra le province, Bergamo registra la performance migliore per puntualità in Italia. Seguono nella top ten Brescia, Sondrio, Monza e Brianza, Lecco, Vicenza, Trento, Treviso, Belluno e Como.

Le imprese di Reggio Calabria sono invece le meno puntuali del paese, seguite da quelle di Enna, Messina e Caserta. Il comparto dei servizi finanziari è quello che gode di miglior salute con una quota del 47% di performance virtuose, a fronte di un 8,6% di ritardi gravi. Bene anche l'industria e la produzione (41,8% di imprese puntuali, 7,3% di ritardi gravi). Proseguono invece le grandi difficoltà del commercio al dettaglio, che rischiano di condizionare l'andamento di tutte le filiere produttive a monte. Appena il 25,7% delle imprese appartenenti al comparto, una su quattro, risulta puntuale, a fronte di un 17,3% di pagamenti oltre il mese di ritardo. L'analisi dei pagamenti per dimensione aziendale sottolinea la puntualità delle micro realtà, virtuose nel 37,5% dei casi. Puntuali sì, ma spesso anche in difficoltà nell'onorare gli impegni concordati con i fornitori, dal momento che detengono anche il primato di ritardi gravi, con il 12% di fatture saldate oltre il mese di ritardo. Situazione opposta per le grandi realtà: virtuose solo nel 13,9% dei casi, ma anche raramente in forte ritardo (5,6%). Performance positive per le piccole imprese, che abbinano un tasso di puntualità poco più basso di quello delle micro (35,5%) a una ridotta percentuale di ritardi gravi (6,6%). Situazione intermedia infine per le medie imprese, con il 26,2% di operatori puntuali, ma con il più basso numero di imprese gravemente ritardatarie, pari al 5,2%.