n63

Log in
NEWS
Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto

kimbo shop ildenaro 016

Burocrazia, per 62% dei dipendenti pubblici è aumentata

La Pubblica Amministrazione italiana "e' un affastellarsi di norme ridondanti e confuse che frenano l'innovazione e rendono la semplificazione una chimera". A dirlo sono gli stessi dipendenti della PA: negli ultimi 5 anni la burocrazia e' cresciuta, ed e' un atto di difesa, per il 62% del campione che ha partecipato all'inchiesta annuale sulla Pubblica Amministrazione svolta da FPA , societa' del gruppo Digital360, e dedicata in questa edizione alla "burocrazia difensiva". Il tema sara' approfondito a Forum Pa 2017 (Roma Convention Center "La Nuvola" 23-25 maggio, www.forumpa2017.it). "Abbiamo lanciato questa inchiesta perche', dopo 28 anni di studio delle amministrazioni da dentro e da fuori, continuiamo a trovarci di fronte una PA bloccata, in balia di una bulimia regolatoria, di una coazione a ripetere per cui si legifica molte volte la stessa cosa, con minime differenze, senza pretendere mai veramente, con accertamenti e sanzioni, che le norme siano effettivamente attuate", afferma Carlo Mochi Sismondi, presidente di FPA. "In questo caos, i dipendenti pubblici ci raccontano che l'unica salvezza percepita e' quella di restare fermi, di prendere il minimo delle responsabilita' possibili, di aspettare che passi il vento dell'innovazione (che tanto dura al massimo il tempo di un Governo) o di pretendere, prima di applicarle, che le novita' diventino obbligatorie. Ed e' questo il fenomeno che abbiamo chiamato burocrazia difensiva. Occorre ridurre concretamente le norme e cercare una reale semplificazione delle procedure. E anche recenti novita' come il Codice degli Appalti e il Codice dell'Amministrazione Digitale (CAD) non sono state percepite come reali semplificazioni". 

 La causa principale del rallentamento dell'azione amministrativa, cosi' dice il 67,2% del campione (1700 persone, per l'80% dipendenti pubblici), e' l'eccessiva produzione di norme che si sovrappongono e generano confusione e disorientamento, tanto che per chi lavora nella PA e' difficile comprendere il senso strategico del proprio lavoro (45,3%). Questa criticita' ha due facce. La prima e' di tipo personale: i lavoratori si sentono demotivati. La seconda e' di tipo organizzativo: alcuni processi sono diventati piu' complessi e lenti, come le procedure di acquisto, le misure anticorruzione, la formalizzazione di incarichi e contratti. L'elemento positivo e' un uso maggiore delle tecnologie per accelerare i processi/servizi (solo 21 su 100 rispondono di usare "raramente" o "mai" le tecnologie per accelerare i processi); tuttavia persiste la resistenza di alcuni colleghi (anche di altre amministrazioni) a utilizzare i documenti digitali (accade "spesso" per il 49,3% del campione e "sempre" per l'11,6%). Gli stessi cittadini sfruttano poco le interfacce web con la PA e preferiscono recarsi allo sportello (63%). I dipendenti pubblici hanno pero' le idee chiare su come uscire da questo stallo: scelta di dirigenti capaci basata sul merito e non sulla politica (lo dice il 50,7% del campione), meno norme (43,5%), piu' digitalizzazione (41,9%). La PA cento per cento paperless e' forse un sogno (non accadra' nemmeno nel 2030, secondo il 45,3% dei rispondenti); pero' l'81,8% pensa che nel 2030 finalmente non dovra' ridare alle amministrazioni pubbliche i propri dati mille volte e il 77% e' convinto che potra' gestire tutte le comunicazioni con le PA da un unico punto di accesso.