n63

Log in
NEWS
Forza Italia, nominati i componenti del coordinamento cittadino Universiadi, A. Cesaro (Fi): Il silenzio del ministro è un'occasione persa Giovanni Francesco Russo nuovo coordinatore di Campania Libera Napoli Turismo, domani al Med Festival Experience la firma all'intesa con Russia, Serbia e Brasile Volontariato al Sud, contributi alle coop sociali Go Sud, un concorso di idee per valorizzare i luoghi della cultura Le verità, presentato il thriller psicologico ambientato a Napoli Dal consolato spagnolo l'omaggio al connubio culturale con Napoli Sicurezza sul lavoro, al via l’assegnazione degli incentivi: domande fino al 5 giugno Unione Industriali, fronte comune tra Regione e imprese sullo sviluppo urbano Capitale europea dell’innovazione: primo premio da 1milione di euro Centenario Unione Industriali Napoli, De Vincenti: In moto investimenti importanti Centenario Unione Industriali Napoli, Boccia: In Italia troppi esperti del passato Centenario Unione Industriali Napoli, Prezioso: Bagnoli? Servono interventi choc Abc, all'azienda del Comune di Napoli il Premio Natura 2017 Centenario Unione Industriali Napoli,Pan: Il Sud snodo geopolitico chiave per l'Ue Centenario Unione Industriali Napoli,Arcuri: Appello al silenzio per Bagnoli Centenario Unione Industriali Napoli, Guido: Porti, puntare sull'internazionalizzazione Libri, sabato a Gaeta la presentazione del volume di Paolo Russo "Sua Eccellenza" Visionemotion, questa sera la videomostra personale di Salvio Vassallo Lepore sui giovani: Devono contribuire allo sviluppo Carabinieri aprono nuova caserma nel salernitano De Vincenti su Bagnoli: Presto la Cabina di regia Napoli, nella chiesa di S. Gregorio la commemorazione del genocidio armeno Turismo, Sorrento e Paestum le località che puntato più sul web Musica, apre in città prima sala della musica napoletana Cassa Rurale di Battipaglia e Montecorvino Rovella, nasce la Fondazione Aidepi, ecco la guida per abbinare pasta e condimento Giubileo Sepe, l'omelia dell'Arcivescovo: Insieme contro il grave cancro della malavita PizzaUnesco, il sottosegretario De Filippo firma la petizione Sud, Boccia: Spopolamento? Occorre reagire per evitare che accada Sisma, la Pro Loco di Montecorvino Rovella dona una ludoteca a Cittareale Alitalia, Boccia: Una vicenda specchio del Paese Sindaci della Costiera Amalfitana in campo per piano traffico Napoli, da Polizia Municipale retata contro taxi abusivi

kimbo shop ildenaro 016

Sicurezza e videosorveglianza in Italia, +34% di interesse online

idealo  

idealo

Cosa cercano gli italiani quando si tratta di mettere in sicurezza loro stessi e le proprie abitazioni? Per rispondere a questa domanda e capire quali città e quali regioni siano più sensibili alla tematica nel nostro paese, idealo - il portale di comparazione prezzi per gli acquisti digitali - ha scattato un’istantanea regione per regione e città per città, tra paure, abitudini e ricerca della sicurezza.
Il primo dato che emerge dall’analisi di idealo  è un aumento di circa il 34% dell’interesse nel primo trimestre del 2017 rispetto ai tre mesi precedenti. I prodotti più cercati, in tema di sicurezza e videosorveglianza, sono gli spioncini digitali, con una percentuale di attenzione piuttosto netta, pari al 65,9% delle intenzioni di acquisto. Si tratta di telecamere di sorveglianza che, camuffate da semplici spioncini, diventano praticamente invisibili dall’esterno. A seconda dei modelli, permettono anche di scattare fotografie o effettuare delle riprese video. La loro presenza nella prima posizione della classifica è probabilmente legata al fatto che si tratta di ottimi deterrenti, acquistabili con una spesa abbastanza contenuta e installabili senza particolari interventi.
Subito dopo gli spioncini troviamo le generiche telecamere di sorveglianza, con il 19%; entrando maggiormente nel dettaglio delle specifiche tecniche è possibile individuare le telecamere IP, con il 3,3%, quelle wifi/wireless, con il 3,2%, a infrarossi, con il 2,5%, o quelle mini, con il 2%). Si registra anche un’attenzione, ma solo nei primi mesi del 2017, per le telecamere dome di ultimissima generazione (con l’1,8%).
È interessante notare come nella classifica figurino anche le telecamere finte, in sesta posizione, con il 2,4%, a testimonianza del fatto che l’interesse degli italiani si volge anche verso soluzioni “furbe” e che possono funzionare da deterrente, anche solo “ideale”, verso i malintenzionati. I sistemi di sorveglianza veri e propri sono poco interessanti per gli utenti, probabilmente per l’incidenza del prezzo, la complessità dei sistemi e l’impegno che richiedono nell’installazione e nella messa in opera. 
Analizzando la portata dei dati e la classifica delle tipologie di prodotto più ricercate, risulta evidente che la questione “sicurezza” è un problema che interessa un grandissimo numero di persone e che, anche per questo settore, il prezzo e la ricerca di praticità sono due fattori fondamentali per le scelte di acquisto. 
Quali città e quali regioni sono più sensibili in Italia al problema della sicurezza? Le città dove si cercano di più queste soluzioni sono Milano, con il 29,8%, a seguire Roma (14,2%), Torino (5%), Napoli (3,5%) e  
Bologna (2,5%) . A livello regionale, invece, troviamo in testa la Lombardia, con il 17,3%, seguita dal Lazio (11,6%), dal Friuli-Venezia Giulia (8,3%), dal Piemonte (7,9%) e dalla Liguria (7,7%) . 
Osservando la situazione con un punto di vista allargato, è possibile notare come l’interesse al tema da parte degli utenti sia decisamente concentrato nell’Italia del Nord Ovest, con valori che addirittura  doppiano quelli delle altre zone e con la seguente distribuzione per aree: il 41,5% per il Nord Ovest, il 16,6% per il Nord Est, il 22,6% per il Centro, il 10% per il Sud e solo il 9,3% per le Isole.
Molto spesso le denunce di furti e intrusioni sono indicative della percezione del fenomeno nelle singole località anche nei mesi successivi; lo confermano i dati dell’Istat per il 2015, dove risulta che i furti in Italia sono stati 234.726, poco meno di 85 mila nel solo Nord-Ovest. La Lombardia guadagna il primato, con un numero di denunce pari a circa 52.000 episodi, una cifra simile a quella relativa a tutto il Nord Est (52.135). 
Queste differenze tra Nord e Sud rimandano anche a conclusioni più ampie: in una precedente ricerca il portale aveva rilevato un grande divario su dati come PIL e percentuali di acquisto online, trovando una ulteriore riprova delle tanto discusse differenze economiche e del problema del digital divide.
Un altro dettaglio interessante è relativo ai periodi dell’anno in cui questi sistemi vengono cercati di più online: i picchi registrati da idealo in Italia mostrano un maggior interesse prima o dopo le vacanze estive, evidenziando quindi una maggior preoccupazione per i periodi nei quali le abitazioni vengono lasciate vuote e senza un controllo diretto.