Log in
NEWS
Carri di grano di Foglianise, successo per la sfilata dedicata alle zone terremotate Ravello for Africa, un concerto per il Burkina Faso Ferragosto, oltre 6200 visitatori al Museo di San Gennaro A Pompei nasce la "palestra per la legalità" Universiadi, delegazione campana a Taipei: presentato il report per Napoli 2019 Confapi Napoli, Falco: Male la Regione sui Fondi Ue Inchiesta Consip, torna libero Romeo: era ai domiciliari dal 4 luglio Regione, 10 milioni per i piani di efficientamento energetico delle Pmi: pubblicata la delibera Incendi: ancora fiamme sul Monte Faito, rogo a Maiori Libri, Amazon: Milano regina della lettura, male Napoli Ritorno alla Serenissima Pil, nel II trimestre +0,4% e +1,5% sull'anno: è l'aumento più alto da sei anni Eventi storici, una proposta di legge per valorizzare i più celebri palii italiani Napoli, De Magistris su Fb: Ferragosto giornata di solidarietà e integrazione Napoli, rifiuti e degrado in centro: la protesta dei residenti Ferragosto, boom di presenze al Museo di San Gennaro Ferragosto, più di 3mila alle visite guidate al S.Carlo Università, Sapienza prima in Italia: Federico II fuori dalla top 6 Regione, pubblicato il Piano strategico per l'internazionalizzazione: ecco il documento Quarto, presidio per riaprire Montagna Spacccata Canale 21, la programmazione per Napoli-Nizza Ambiente, 15 mln alle isoli minori per progetti di sostenibilità Miss Mondo Italia, tre napoletane sul podio della prima tappa regionale Meeting di Rimini, attesi sei ministri e tanti altri big: faccia a faccia Boccia-Furlan Torre del Greco, la maggioranza col sindaco arrestato: Dimostrerà la sua innocenza Reggia di Caserta, apertura straordinaria a ferragosto Ambiente, consumo del suolo e abusi: male la Campania Napoli, de Magistris su Fb: Azione forte e strutturale per la città Roghi, la condanna del Vescovo: Incendiari assassini, almeno l'Isis rivendica Teatro San Carlo, visite guidate e prove a Ferragosto Ambiente, un terzo della superficie bruciata nel 2017 è di valore naturalistico: Campania tra le più colpite Fca, cinesi pronti a rilevare l'azienda del Lingotto? Ddl Concorrenza, novità per professioni e imprese: ecco tutte le misure Pollena Trocchia, aperte le iscrizioni per l'asilo nido: struttura in funzione da metà settembre Capri, a ferragosto niente vetro ed alcol in spiaggia

kimbo shop ildenaro 016

Pil pro capite, dal 2007 giù 10,8%: Campania tra gli ultimi posti della graduatoria

Dal 2007 al 2015 (anno di cui sono disponibili i dati piu' recenti), il Pil pro capite degli italiani e' sceso del 10,8%, passando da 28.699 a 25.586 euro (-3.113 euro). Questo calo non si e' comunque distribuito in modo uniforme su tutto il territorio nazionale. Altrettanto disomogeneo appare il calo degli occupati nel nostro Paese, che restano ancora inferiori ai dati registrati nel 2007, alla vigilia della lunga crisi economica ancora in atto. Lo rivela una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro, realizzata su elaborazione di dati Istat. Nessuna Regione italiana e' riuscita ancora a tornare ai livelli precedenti la crisi economica, ma in alcuni casi il calo del Pil pro capite medio dei suoi cittadini e' stato piu' sensibile. In fondo alla graduatoria, ordinata per variazione percentuale negativa, troviamo Molise (-19,3%), Umbria (-18,3%), Lazio (-17,7%) e Campania (-16%). Restano al di sotto del dato nazionale anche regioni del Nord come Friuli Venezia Giulia (-11,4%), Liguria (-11,6%), Piemonte (-12,3%) e Valle d'Aosta (-12,6%). Meno colpite, anche se sempre in territorio negativo, sono state invece Trentino Altro Adige (-3,2%), Basilicata (-4,5%), Abruzzo (-6,2%) e Lombardia (-7,9%) che fanno registrare performance sensibilmente migliori della media nazionale. Nel 2016 nel nostro Paese risultano poi occupate 22.757.840 persone, un dato ancora inferiore di 136.107 unita' a quello del 2007, quando gli occupati erano 22.893.947. Anche in questo caso i dati regionali si muovono in modo molto disomogeneo. Rispetto al 2007 gia' oggi risultano occupate piu' persone nel Lazio (+201.070, +9,42%), in Trentino Alto Adige (+31.645, +7.04%), in Toscana (+35.856, +2,34%), in Emilia Romagna (+42.685, +2,22%) e in Lombardia (+90.958, +2,15%). E se il Veneto e' sostanzialmente quasi ritornato agli stessi livelli del periodo pre-crisi (-18.698, -0,89%), ancora lontane dai livelli occupazionali fatti registrare nove anni fa restano regioni del Nord come la Liguria (-23.607, -3,73%), il Friuli Venezia Giulia (-20.384, -3,93%) e la Valle d'Aosta (-2.391, -4,21%). In questo stesso periodo di tempo si registra una contrazione piu' marcata degli occupati in tutte le regioni del Sud: Campania (-74.139, -4,33%), Molise (-5.539, -4,97%), Puglia (-80.425, -6,31%), Sardegna (-43.816, -7,23%), Sicilia (-129.443, -8,74%) e Calabria (-69.093, -11,67%).
 Non mancano comunque timidi segnali di ripresa dell'occupazione. Un confronto tra i dati 2015 e 2016 evidenzia come nell'ultimo anno il nostro Paese abbia complessivamente recuperato 293.088 posti di lavoro. Le tre Regioni che hanno registrato le migliori performace in valori assoluti sono Lombardia (+71.878), Campania (+59.787) ed Emilia Romagna (48.823). In termini percentuali rispetto alla base occupazionale crescono invece piu' di tutti Campania (+3,79), Molise (+3,75%), Emilia Romagna (+2,55%), Puglia (+1,98%) e Basilicata (+1,95%). Il dato piu' negativo viene invece fatto registrare dall'Umbria, che nell'ultimo anno ha perso 5.414 posti di lavoro (-1,51%). "Mentre tutti gli altri nostri principali competitor europei sono da tempo ritornati ai livelli di crescita pre crisi, l'Italia continua a registrare valori di reddito pro capite e occupazione inferiori a quelli del 2007" osserva l'imprenditore Massimo Blasoni, presidente del Centro studi ImpresaLavoro. "Purtroppo non si e' voluto approfittare di questa crisi decennale per cambiare drasticamente le regole del mercato del lavoro e per allegerire le nostre imprese dal peso esorbitante (e disincentivante) di una tassazione eccessiva nonche' di leggine e regolamenti che imbrigliano la loro azione quotidiana. I vari bonus sono pannicelli caldi che non aiutano a rilanciare l'economia e che disperdono risorse. Occorre cambiare passo: rilanciare gli investimenti pubblici e mettere finalmente gli imprenditori nelle condizioni di creare nuovi posti di lavoro e quindi nuova ricchezza".