Log in
NEWS
Laboccetta entra in Parlamneto: prende il posto del dimissionario Calabrò Federterme, presentata Consensus Conference: Le terapie termali contro le malattie muscolo-scheletriche Regione, siglata l'intesa col Miur per lo sviluppo delle competenze digitali Golf, al Circolo Volturno il primo Campus Estivo per bambini Festa al Maschio Angioino per salutare il “Libro di luce” Regione, via libera in commissione alla legge "qualità nelle scuole" Musica contemporanea al San Carlo, studenti interpretano De Simone e Fuschetto Forza Italia, De Siano: Al lavoro per gli stati generali del partito Diego Guida nuovo presidente nazionale del gruppo Piccoli Editori Aie Regione, nuovo percorso di Istruzione Tecnica Superiore per il Made in Italy Regione, nasce Artecard Mann-Capodimonte Endocrinologia, Colao (Federico II): Avanti con i farmaci innovativi, potenziare il ruolo del medico Sanità, Campania tra le regione in cui si muore di più per cure tardive o sbagliate Confindustria, il Centro studi rivede le stime: Pil in rialzo a +1,3% nel 2017 Costruttori Salerno, accesso al credito: via libera al protocollo d'intesa con Confidi Chalet Ciro, 20 lavoratori a rischio: sit in al Comune Emergenza sangue in campania: superata la fase critica Innova S@lute2017, al via la call per progetti innovativi Nuove idee d’impresa, 36mila euro per progetti innovativi e startup Sannio, De Girolamo a Delrio: Sua presenza non sia solo per pubblicità Caso Anm, Pd a de Magistris: Fallimento a un passo Asl Napoli 3, centri per disabili annunciano stato di default Telecomunicazioni, nuove assegnazioni di frequenze radio a Napoli Porto, Spirito: Evitare concorrenza interna, più collaborazione Porto, Confcommercio: Chiave dello sviluppo del Mezzogiorno Ospedale di Frattamaggiore accoglie posti letto psichiatria di Giugliano Delrio sulla Napoli-Bari: Grande progetto Siccità, la Campania chiede stato di calamità Musica, al Festival delle Ville Vesuviane omaggio a Pino Daniele Pufin Power, chiesto il sequestro conservativo nei confronti della Memc Munizioni all'uranio in deposito a Napoli. Clamorosa rivelazione di un'ufficiale Manovra finanziaria triennale all'esame del consiglio regionale Imprenditori under 35 del Sud: finanziamenti fino a 40mila euro Caso Rc Auto, FI attacca il Governo Dottorati innovativi al Sud: domande entro il 24 luglio

kimbo shop ildenaro 016

Pil pro capite, dal 2007 giù 10,8%: Campania tra gli ultimi posti della graduatoria

Dal 2007 al 2015 (anno di cui sono disponibili i dati piu' recenti), il Pil pro capite degli italiani e' sceso del 10,8%, passando da 28.699 a 25.586 euro (-3.113 euro). Questo calo non si e' comunque distribuito in modo uniforme su tutto il territorio nazionale. Altrettanto disomogeneo appare il calo degli occupati nel nostro Paese, che restano ancora inferiori ai dati registrati nel 2007, alla vigilia della lunga crisi economica ancora in atto. Lo rivela una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro, realizzata su elaborazione di dati Istat. Nessuna Regione italiana e' riuscita ancora a tornare ai livelli precedenti la crisi economica, ma in alcuni casi il calo del Pil pro capite medio dei suoi cittadini e' stato piu' sensibile. In fondo alla graduatoria, ordinata per variazione percentuale negativa, troviamo Molise (-19,3%), Umbria (-18,3%), Lazio (-17,7%) e Campania (-16%). Restano al di sotto del dato nazionale anche regioni del Nord come Friuli Venezia Giulia (-11,4%), Liguria (-11,6%), Piemonte (-12,3%) e Valle d'Aosta (-12,6%). Meno colpite, anche se sempre in territorio negativo, sono state invece Trentino Altro Adige (-3,2%), Basilicata (-4,5%), Abruzzo (-6,2%) e Lombardia (-7,9%) che fanno registrare performance sensibilmente migliori della media nazionale. Nel 2016 nel nostro Paese risultano poi occupate 22.757.840 persone, un dato ancora inferiore di 136.107 unita' a quello del 2007, quando gli occupati erano 22.893.947. Anche in questo caso i dati regionali si muovono in modo molto disomogeneo. Rispetto al 2007 gia' oggi risultano occupate piu' persone nel Lazio (+201.070, +9,42%), in Trentino Alto Adige (+31.645, +7.04%), in Toscana (+35.856, +2,34%), in Emilia Romagna (+42.685, +2,22%) e in Lombardia (+90.958, +2,15%). E se il Veneto e' sostanzialmente quasi ritornato agli stessi livelli del periodo pre-crisi (-18.698, -0,89%), ancora lontane dai livelli occupazionali fatti registrare nove anni fa restano regioni del Nord come la Liguria (-23.607, -3,73%), il Friuli Venezia Giulia (-20.384, -3,93%) e la Valle d'Aosta (-2.391, -4,21%). In questo stesso periodo di tempo si registra una contrazione piu' marcata degli occupati in tutte le regioni del Sud: Campania (-74.139, -4,33%), Molise (-5.539, -4,97%), Puglia (-80.425, -6,31%), Sardegna (-43.816, -7,23%), Sicilia (-129.443, -8,74%) e Calabria (-69.093, -11,67%).
 Non mancano comunque timidi segnali di ripresa dell'occupazione. Un confronto tra i dati 2015 e 2016 evidenzia come nell'ultimo anno il nostro Paese abbia complessivamente recuperato 293.088 posti di lavoro. Le tre Regioni che hanno registrato le migliori performace in valori assoluti sono Lombardia (+71.878), Campania (+59.787) ed Emilia Romagna (48.823). In termini percentuali rispetto alla base occupazionale crescono invece piu' di tutti Campania (+3,79), Molise (+3,75%), Emilia Romagna (+2,55%), Puglia (+1,98%) e Basilicata (+1,95%). Il dato piu' negativo viene invece fatto registrare dall'Umbria, che nell'ultimo anno ha perso 5.414 posti di lavoro (-1,51%). "Mentre tutti gli altri nostri principali competitor europei sono da tempo ritornati ai livelli di crescita pre crisi, l'Italia continua a registrare valori di reddito pro capite e occupazione inferiori a quelli del 2007" osserva l'imprenditore Massimo Blasoni, presidente del Centro studi ImpresaLavoro. "Purtroppo non si e' voluto approfittare di questa crisi decennale per cambiare drasticamente le regole del mercato del lavoro e per allegerire le nostre imprese dal peso esorbitante (e disincentivante) di una tassazione eccessiva nonche' di leggine e regolamenti che imbrigliano la loro azione quotidiana. I vari bonus sono pannicelli caldi che non aiutano a rilanciare l'economia e che disperdono risorse. Occorre cambiare passo: rilanciare gli investimenti pubblici e mettere finalmente gli imprenditori nelle condizioni di creare nuovi posti di lavoro e quindi nuova ricchezza".