Log in
NEWS
Scossa di terremoto e crolli: tragedia ad Ischia Archeologia, a Ercolano i raggi X svelano il ritratto di una antica donna romana Fumetti, a Salerno rivive il mito di Trumoon Ap Campania, Barone: Le alleanze le decide Alfano Caso Loreto Mare, domani arrivano i Nas Onlus e Coop sociali, bando da 223 mln: domande a partire dal 7 novembre Incentivi per under 32: ecco le misure allo studio del Governo Isole minori, 15 milioni di euro per l'efficienza energetica Corti di lunga vita, via al contest: 2mila euro in palio per il primo classificato Fca, non solo Jeep: Great Wall punta all'intero gruppo Castel Volturno, si insedia il commissario straordinario Mar Mediterraneo, lo screening di Goletta Verde: in Lazio, Calabria e Campania i punti più inquinati Sal De Riso, piccoli, tondi e deliziosii: ecco i nuovi Cabochon D’Amalfi Acerra, il Comune con la Coldiretti: No al Ceta Scavi di Pompei, tour operator favorevoli all'aumento delle tariffe Cinema, primo ciak per il nuovo film con Rubini: set ad Apice Caso Loreto mare, si indaga per omicidio colposo Edilizia scolastica, via al bando Pon: 350 mln alle Regioni del Sud Ricerca, nuovo bando aerospazio: i progetti entro il 30 settembre Sponz Fest, la Scuola di tarantella montemaranese alla notte del tamburo Zootecnia, banca dati per la biodiversità: 93 milioni per allevatori e centri di ricerca Access City Award 2018: demande entro l'11 settembre Nocera, voto di scambio politico-mafioso: blitz dei carabinieri Scavi di Pompei, ricara il biglietto: da 11 euro passa a 15 Industria Italiana Autobus, giornata storica a Flumeri: l'8 settembre presentazione dei primi mezzi prodotti Caso Loreto mare, Codacons: Gli ispettori non bastano, denuncia a Lorenzin e De Luca Napoli, dopo la delibera primi tavolini a piazza Municipio Nerina Dirindin (Mdp): Caso Loreto mare, occorre riorganizzare il sistema Napoli, de Magistris: La sicurezza? Non si ottiene innalzando i muri Mafia, Dia: Sequestrati in un anno beni per 210 milioni Fca, cinesi di Great Wall interessati a Jeep Tommariello d’oro 2017, ecco i premiati: appuntamento il 26 a Montefusco Sarà il turismo lento e sostenibile il futuro dell’Italia? Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano

kimbo shop ildenaro 016

Case vacanza, metà degli affitti è irregolare: maglia nera alla Campania (3 su 4)

E' già aperta la corsa alla casa per le vacanze. Prima Pasqua, poi i ponti tra fine aprile e maggio, fino all'inizio della stagione estiva. Gli italiani hanno imparato a muoversi per tempo, alla ricerca di prezzi scontati e occasioni da non perdere. Ma, secondo quanto emerge da un'indagine dell'Adnkronos, con la collaborazione di diversi network immobiliari, almeno la metà degli affitti, al mare e in montagna così come nelle città storiche, saranno irregolari. E con i pagamenti in nero sale anche il rischio delle truffe.
Le trattative, quasi sempre, si chiudono online. Sempre più spesso basta una mail, prima ancora che la tradizionale stretta di mano, per chiudere l'accordo diretto con il proprietario di casa. E anche l'intermediazione dei siti specializzati non è garanzia di transazioni trasparenti.
L'allarme per gli affitti in nero riguarda tutto il territorio nazionale, anche se ci sono aree più a rischio, a partire dal Sud e da alcune grandi città, Roma in testa. I dati peggiori sono quelli che arrivano dalla Campania e dalla Sicilia, in cui si stima che tre case su quattro saranno affittate senza alcun contratto; Liguria e Lazio, con Roma che tocca punte vicine al 75%, e la Sardegna vedono la metà degli affitti in nero. Faranno meglio rispetto alla media nazionale la Toscana e, soprattutto, le due regioni 'regine' della montagna, Trentino Alto Adige con una casa su tre non in regola, e la Valle d'Aosta, dove si stima che una sola casa sarà affittata irregolarmente. Sono dati sostanzialmente in linea con la stessa rilevazione effettuata lo scorso anno. A conferma che il fenomeno è ormai abbastanza consolidato.
Insieme agli affitti in nero, arrivano puntuali le truffe. E, secondo quanto riferiscono i network immobiliari interpellati, capita spesso di scoprire l'inganno solo quando inizia la vacanza e si raggiungono i luoghi scelti per trascorrerle: case completamente diverse da quelle viste su internet, condizioni diverse rispetto a quelle pattuite e, nel peggiore dei casi, case inesistenti. Anche in questo caso, il fenomeno assume proporzioni più vistose al Sud e nelle grandi città. Si stima che il 25%, una su quattro, delle prenotazioni effettuate direttamente fra privati, soprattutto tramite internet, sia destinata a riservare sorprese negative. Un dato che in alcune regioni, Campania e Sicilia in testa, sale intorno al 35%, con una casa su tre a rischio truffa.