Log in
NEWS
Napoli, locali di via Falcone respingono le accuse Natalia Sanna eletta presidente della commissione regionale pari opportunità Banco di Napoli Fondazione risponde a istanze del ministero Dl Sud, 90 mln per ristrutturate le sedi giudiziarie di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia Regione, Consiglio convocato per il 24 e 25 luglio Nicaragua, nuove opportunità di investimento per le imprese campane Monumenti nell'"Iride": scatti in mostra al Consiglio regionale Da affittacamere a produttori di formaggi: la mappa delle imprese nei piccoli Comuni Bankitalia, sale il numero di ricorsi all'arbitro: record in Puglia e Campania Mdp, Todisco primo consigliere regionale: ma resterà in carica solo due mesi Giffoni Innovation Hub sigla intesa con iOS Academy di Napoli Vito Busillo confermato alla vicepresidenza di Anbi Nuovo procuratore di Napoli, la decisione ad agosto Anm, linea bus 621 al posto della funicolare di Mergellina Hub della Nato a Napoli, oggi la presentazione agli ambasciatori Antonio Brando nell'equipe del Centro di Chirurgia della Mano di Savona Ambasciatore del Nicaragua presenta opportunità di investimento a Napoli Antonio Coppola nominato nella commissione giuridica della Lega Dilettanti Figc Vincenzo Semeraro eletto presidente del Circolo Posillipo Luana Di Tuoro nuova segretaria di Filcams Cgil Napoli Il rifiuto del declino italiano Di seguito un contributo del segretario generale della Fim Cisl Campania, Giuseppe Terracciano, sul futuro di Fca in Campania. Iran-Italia, summit commerciale all'ambasciata di Roma La festa nazionale francese al consolato di Napoli Toledo Spaccanapoli, gli esercenti partenopei danno vita al consorzio Pareo Park, partnership con l'Unicef per 100 ragazzi migranti Ferrovie, nel week end lavori sulla linea Benevento-Cancello Bagnoli, l'allarme di Città Scienza: Il Comune cancella lo Science Center Napoli, curiosità e foto per il disegno di Totò nel Centro storico Bagnoli, Renzi: Abbiamo preso sassi, ora il Comune firma il progetto “Positano gourmet”, cena a 4 mani con Luigi Tramontano e Fabrizio Albini La moda al Museo della Moda, perché lo stile resti sempre Moglie e figli di Renzi visitano museo di Capodimonte Ambasciata britannica smentisce Sun: Visitate Napoli tranquillamente Zoo Napoli, parte crowdfunding per area scimpanzè

kimbo shop ildenaro 016

Lavoro, gli stipendi crescono a passo di lumaca: in 6 anni +7%


Le retribuzioni contrattuali in Italia crescono a passo di lumaca. Negli ultimi sei anni gli stipendi regolati dai Ccnl sono aumentati del 7,1%, con notevoli differenze tra il settore delle estrazioni minerali, dove l'incremento è del 14%, e il settore del credito e assicurazioni, che si ferma a un +6%. I dati sono contenuti nell'ultimo dossier dell'Istat sulle retribuzioni contrattuali, ed elaborati dall'Adnkronos, che ha esaminato le tabelle sulle retribuzioni orarie. A tenere schiacciato verso il basso l'indice generale degli stipendi è, ovviamente, il settore pubblico dove le retribuzioni sono bloccate dal 2010, mentre nel settore privato l'aumento è del 9,8%.
Rispetto al 2015, l'indice generale è cresciuto solo di 0,6 punti percentuali. Mentre restringendo il campo al settore privato l'incremento è stato di 0,9 punti. I lunghi tempi di vacanza contrattuale, che di solito passano prima di raggiungere nuovi accordi, incide sicuramente sul dato finale.
Secondo l'Istituto di statistica alla fine del 2016 i contratti scaduti sono 47; bel al di sopra della somma dei contratti rinnovati nel corso dell'anno (13) e degli accordi in vigore (28), che arriva a 41. La situazione è peggiorata rispetto al 2015, quando i contratti scaduti in attesa di rinnovo erano 36, mentre la somma degli accordi in vigore (39) e delle intese raggiunte nel corso dell'anno (9) arrivava a 48.
Per gli statali, dal comparto della scuola a quello delle forze dell'ordine, la variazione nel 2016 è dello zero rispetto a sei anni prima, con l'unica eccezione dei vigili del fuoco, che hanno ottenuto un aumento del 3,1%. Osservando i raggruppamenti principali di contratti del settore privato emerge che, dietro al primo classificato (estrazioni minerali), si posiziona il settore dell'"energia e petroli" (+13,9%), seguito dalla "gomma, plastica e lavorazioni di minerali non metalliferi" (+13,7%), dalla "chimica" (+13,6%), dal "tessile, abbigliamento e lavorazione pelli" (+13,2%) e dall'"energia elettrica e gas" (+13,1%).
Sopra la media si collocano anche le retribuzioni dei "metalmeccanici", con un incremento del 12,9%, dei lavoratori del settore del "legno, carta e stampa" (+12,2%) e dell'"industria" (+12%). Incrementi a due cifre interessano "agricoltura" e "alimentari bevande e tabacco", entrambi crescono dell'11,3%, e le "telecomunicazioni" (+10,9%).
Per tutti gli altri gruppi l'aumento delle retribuzioni è stato inferiore al dato medio, con i "trasporti e servizi postali" che si posizionano più vicino (+9,5%), segue il "commercio" (+8,5%) e l'"edilizia" (+8%). In coda si posizionano i gruppi dell'"acqua e servizi di smaltimento rifiuti" (+7,8%), i "servizi privati" (+7,6%), gli "esercizi pubblici" (+7,5%), ed i servizi d'"informazione e comunicazione" (+6,3%).