n63

Log in
NEWS
Brexit, braccio di ferro tra Gran Bretagna e Scozia Neurochirurgia, i viaggi della speranza cambiano direzione. A Castelvolturno centro eccellenza per scoliosi Ue, incubazione delle start up: 3 milioni di euro con Copernicus Generazione cultura: contributi per i talenti under 27 Napoli, duemila in piazza contro i tagli alle politiche sociali Qr Code Campania, c'è il bando dell'Istituto Zooprofilattico Antonio Parlati confermato alla guida della sezione Editoria di Unione Industriali Napoli Paolo Barrale nuovo presidente di Chic Radio e Tv locali: ecco come saranno ripartiti i contributi pubblici Ischia, il Comune premia 6 imprenditori "maestri di accoglienza" Regione, D’Amelio con De Luca alla stazione di Lioni: Entusiasmo per il ritorno del treno Battimelli, Vuolo e Gallo confermati nel consiglio nazionale Medici Cattolici Maison Signore sbarca a New York: trunk show da Kleinfeld, il tempio dell'alta moda sposa Caserta, si dimettono due assessori: sindaco verso il rimpasto Accurso verso la nomina a segretario generale Uilm Campania Sanità, De Luca: Miracoli per salvare ospedali e posti letto Medici, a Salerno asse con gli chef: via al secondo corso sulla dieta mediterranea Pd, Angelica Saggese nel coordinamento nazionale Mozione Renzi Gianvito Gioia neo comandante dei vigili di Minervino Murge Bullismo, sì a proposta di legge regionale Tarì presenta Jewellery Export Lab Napoli, riapre parcheggio di via Argine Al via ristrutturazione istituto Gentileschi Al via ristrutturazione istituto Gentileschi Humaniter, un concerto per celebrare i vent'anni della fondazione Pmi, segnali positivi nel Mezzogiorno: ecco il rapporto di Confindustria e Cerved Enginfo, tutte le novità per l'efficientamento energetico a EneryMed Mooks presenta i noir anomali di Bruno Pezzella FI inaugura scuola di formazione a Salerno con Gasparri Bando Ismea per giovani imprenditori, si parte Sciuscià nei guai, sequestro della Gdf Figlie di Maria Ausiliatrice, chiude l'istituto di Salerno Thailandia-Campania, asse sull'aerospazio FutureDem apre sede nel Sannio Pasquale Lamberti e Antonio Citro nuovi vertici di FdI-An a Pontecagnano

kimbo shop ildenaro 016

Revisioni auto, in Campania 2016 spesi 221,9 milioni di euro

Nel 2016 gli automobilisti campani hanno speso 221,9 milioni di euro per eseguire le revisioni obbligatorie delle loro auto presso le officine private autorizzate. Questi dati derivano da un'elaborazione dell'Osservatorio Autopromotec (che è la struttura di ricerca di Autopromotec, la più specializzata manifestazione fieristica internazionale delle attrezzature e dell'aftermarket automobilistico) su dati Istat e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
La cifra comprende il pagamento della tariffa fissata per le revisioni per complessivi 72,2 milioni di euro ed il costo delle operazioni di manutenzione e riparazione necessarie per porre gli autoveicoli in grado di superare i controlli previsti, cioè la spesa per la cosiddetta attività di prerevisione, che ammonta a 149,7 milioni di euro. È Napoli la provincia della Campania che registra con 104,9 milioni di euro la spesa più alta per revisioni e prerevisioni eseguite nel 2016. Seguono le province di Salerno con 47,8 milioni, Caserta con 36,2 milioni, Avellino con 19,4 milioni e Benevento che con 13,6 milioni chiude la graduatoria delle province campane.
Sempre secondo l'elaborazione dell'Osservatorio Autopromotec, nel 2016 in tutta Italia gli automobilisti hanno speso 2,86 miliardi di euro per far revisionare i loro autoveicoli presso le officine autorizzate. Rispetto al 2015, vi è stato un calo dell'1% della spesa totale per le operazioni di revisione. Il lieve calo è dovuto essenzialmente alla diminuzione del numero delle vetture chiamate a revisione, che nel 2016 sono state 13.949.808, contro le 14.371.111 del 2015 (-2,9%). Il calo delle revisioni registrato nel 2016 ha determinato anche una diminuzione del fatturato delle officine. La spesa sostenuta dagli automobilisti per le operazioni di revisione vere e proprie è calata invece soltanto dell'1,2% perché vi è stato un aumento del costo degli oneri accessori (nello specifico sono aumentati i diritti per la Motorizzazione). La spesa per le prerevisioni, invece, è calata in misura leggermente inferiore rispetto a quella per le revisioni per effetto dell'incremento dei costi di manutenzione e riparazione che risulta dagli indici Istat. Il risultato di questa dinamica dei costi ha fatto sì che la spesa complessiva per gli automobilisti sia passata dai 2,89 miliardi nel 2015 ai 2,86 miliardi nel 2016.